Archivi per la Categoria: Comunicati stampa

Gli agrumi siciliani guardano a Oriente

Gli agrumi siciliani guardano a Oriente

Nasce sotto i migliori auspici la nuova campagna agrumicola siciliana. Non tanto in termini di quantità, nella zona orientale dell’Isola continua infatti inarrestabile la moria di piante a causa del virus della tristeza, quanto per la qualità, dappertutto ottima, favorita dal buon andamento climatico e dalle abbondanti piogge che hanno accompagnato tutto il ciclo produttivo.

«Girando per le campagne – afferma con soddisfazione Gerardo Diana, presidente nazionale della Sezione agrumicola di Confagricoltura – risulta già evidente l’elevata pezzatura media dei frutti che ci consente di tornare a essere protagonisti nel complesso mercato del prodotto allo stato fresco. Le piante, nuovamente rigogliose, si sono messe alle spalle lo stress idrico provocato dalla siccità degli ultimi tre anni». «A testimoniare l’attaccamento degli agricoltori della Piana di Catania nei confronti di una produzione simbolo di questo territorio – sottolinea Diana – la presenza di numerosi nuovi impianti, al posto di quelli distrutti dalla tristeza, che stanno cominciando a entrare in piena produzione. Un chiaro messaggio per la classe politica comunitaria, nazionale e regionale ancora alla ricerca di soluzioni economiche e tecniche da adottare». «A onor del vero – aggiunge Diana – sul bando della misura del Psr per il ripristino delle strutture danneggiate da calamità è stata resa disponibile una dotazione finanziaria di poco più di 5 milioni di euro per gli impianti colpiti dal virus, ma si tratta purtroppo di una goccia nel mare del problema». Sotto il profilo economico si assiste a una ritrovata vivacità degli scambi tra produttori e operatori commerciali. Ai piedi dell’Etna è consolidata la pratica della vendita dei frutti all’albero e già in questo periodo si stanno definendo i contratti per la nuova campagna di raccolta. «Purtroppo – conclude il presidente degli agrumicoltori di Confagricoltura – avevamo visto giusto quando prevedevamo le nefaste conseguenze per la nostra economia agricola dovute al blocco dell’export verso la Russia, disposto dall’Unione europea. Uno spazio commerciale che stava cominciando a dare i primi frutti e che ora è stato occupato da altri Paesi, con in testa la Turchia che in poco tempo è diventato il secondo esportatore di agrumi a livello mondiale. Con un tasso di crescita costante (+ 15% rispetto alla produzione del 2017) la Turchia ha ora puntato il mirino verso i mercati del Giappone e della Cina, aree anche per noi interessanti». «Mentre u mierico sturia u malatu sinni va» (mentre il medico studia il malato se ne va): si tratta di un detto popolare che ben sintetizza i pericoli legati alla mancata attivazione di provvedimenti urgenti in casi di emergenza. Nel caso degli agrumi siciliani il riferimento è al progetto elaborato, da più di un anno, dal Distretto agrumi di Sicilia e che prevede l’utilizzazione di piattaforme di e-commerce, del gruppo Alibaba, per l’esportazione di arance rosse proprio nella Repubblica Popolare Cinese.

Occasione Cina «Un progetto – chiarisce la presidente del Distretto, Federica Argentati – che aspetta solo di partire essendo già state riempite tutte le caselle riguardanti ruoli e funzioni». Produttori, confezionatori, Consorzio di tutela igp Arancia Rossa e Maas di Catania, per quanto riguarda il cold-treatment, da un lato, e il colosso cinese dell’e-commerce dall’altro aspettano solo la modifica del protocollo sottoscritto tra Italia e Cina che non prevede il trasporto aereo e quindi la possibilità di effettuare il trattamento a freddo in appositi magazzini prima della partenza. «L’auspicio – conclude il presidente del distretto – è che già in coincidenza con il prossimo capodanno cinese, che si festeggia a febbraio, le arance rosse siciliane possano aggiungere qualità e colore a un mercato che conta più di 552 milioni di consumatori attivi. Aspettiamo risposte dal Governo nazionale a cui abbiamo recentemente inviato un documento, sottoscritto da tutti i protagonisti della filiera agrumicola siciliana, in cui, oltre a evidenziare le problematiche del settore, sollecitiamo la modifica dell’accordo bilaterale con Cina».

Particolarmente interessato al protocollo con la Cina è il Consorzio Arancia Rossa di Sicilia igp, a cui aderiscono più di 600 tra produttori, confezionatori e trasformatori di tre varietà di arance (Tarocco, Moro e Sanguinello). Un Consorzio che, nell’ottica di mantenere alta la qualità, emana annualmente i calendari di inizio raccolta. «Attualmente – evidenzia il presidente dell’organismo Giovanni Selvaggi – destiniamo ai mercati esteri il 22% della nostra produzione e in questa direzione intendiamo rafforzarci. Tra mercati nazionali ed esteri vengono commercializzati mediamente 17 mila tonnellate di agrumi a marchio Igp, cifra che quest’anno dovrebbe essere mantenuta nonostante il calo produttivo previsto». «Oltre ai canali tradizionali – aggiunge Selvaggi – abbiamo cominciato a operare anche nel campo della ristorazione di qualità sfruttando al massimo la diffusione delle caratteristiche organolettiche dell’arancia rossa. Per questa ragione abbiamo già in cantiere delle iniziative di co-marketing con importanti chef italiani e internazionali per spingere ancora di più sull’utilizzo di questo prodotto assolutamente unico nel suo genere.». La campagna agrumicola siciliana 2018-19 parte ufficialmente il prossimo 10 novembre. Le prime varietà a entrare nel circuito commerciale sono le clementine e le arance Naveline. Tra dicembre e marzo è poi la volta delle arance Washington Navel, Moro e di quelle a polpa rossa della Piana di Catania. Il sipario si chiude a giugno con la raccolta delle ultime partite di arance Valencia. Tra dicembre e i primi di aprile entrano in commercio i mandarini Avana e Tardivi di Ciaculli. Per quest’ultima varietà si prevede un calo produttivo a causa dei problemi atmosferici verificatisi durante il periodo della fioritura.

Giuseppe Modica

Se vuoi scaricare l’articolo clicca sul link Informatore Agrario

Olio. L’accordo tra Confagri e Deoleo per l’acquisto di Evo siciliano entra nel vivo

Olio. L’accordo tra Confagri e Deoleo per l’acquisto di Evo siciliano entra nel vivo

Il protocollo d’intesa sottoscritto lo scorso giugno tra Confagricoltura e Deoleo Spa, che prevede l’acquisto da parte della multinazionale proprietaria dei marchi Sasso e Carapelli un rilevante quantitativo di extravergine da commercializzare sui mercati esteri esclusivamente come olio 100% made in Italy, entra nella sua fase operativa. Il 16 ottobre alla Camera di Commercio di Palermo si è tenuto un incontro tra…

Agrumicoltura e frodi alimentari: Selvaggi scrive al Ministro Centinaio

Agrumicoltura e frodi alimentari: Selvaggi scrive al Ministro Centinaio

I Presidenti di Confagricoltura Catania Giovanni Selvaggi, della Cia Sicilia orientale Giuseppe Di Silvestro, Confcooperative Sicilia Gaetano Mancini e Distretto produttivo Agrumi di Sicilia Federica Argentati hanno scritto una lettera al Ministro delle Politiche Agricole Gian Marco Centinaio,  presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci e all’Assessore all’Agricoltura della Regione Siciliana Edgardo Bandiera esprimendo preoccupazione per le notizie che circolano circa la richiesta sui mercati agricoli di grandi…

Agrumi, le priorità che la filiera siciliana indica al Ministero

Agrumi, le priorità che la filiera siciliana indica al Ministero

La necessità e l’urgenza che il Mipaaf istituzionalizzi un tavolo agrumi che possa raccogliere i tanti attori della filiera e le esigenze dei vari territori italiani per la stesura del piano poliennale di settore nazionale; il riordino di tutti i dati quantitativi e qualitativi sugli agrumi italiani (produzione, commercializzazione e relativi derivati trasformati) che potranno essere attinti…

Agrinsieme, la lotta al caporalato non penalizzi gli imprenditori onesti

Agrinsieme, la lotta al caporalato non penalizzi gli imprenditori onesti

Fare in modo che la legge sulla lotta al caporalato non penalizzi gli imprenditori agricoli per infrazioni di lieve entità e punti a punire, anche pesantemente, solo chi sfrutta i lavoratori. Sono queste le richieste avanzate dai rappresentanti del coordinamento di Agrinsieme Catania (Cia, Confagricoltura, Confcooperative, Legacoop, Agci) e da alcuni imprenditori agricoli etnei al…

Olio tunisino, il si della Ue all’import extra dalla Tunisia danneggia l’olivicoltura siciliana

Olio tunisino, il si della Ue all’import extra dalla Tunisia danneggia l’olivicoltura siciliana

“La proposta della Commissione Ue, approvata oggi dalla commissione Commercio internazionale del Parlamento europeo, che prevede il permesso, per la Tunisia, di introdurre sul mercato dell’Unione europea ulteriori 70 mila litri di olio d’oliva – 35mila litri nel 2016 e altri 35mila litri nel 2017 – oltre alle quote già  riconosciute di circa 57mila tonnellate l’anno,…

CHIUSURA ESTIVA E NUOVA SEDE

GLI UFFICI DI CONFAGRICOLTURA CATANIA E AGRICONTAB S.R.L SONO CHIUSI FINO AL 30 AGOSTO 2015. CI RIVEDIAMO LUNEDI ‘ 31 AGOSTO PRESSO LA NUOVA SEDE DI VIA ZIA LISA 153-155 CATANIA. AUGURIAMO A TUTTI BUONE E SERENE FERIE.

Xylella fastidiosa, a Giarre un incontro con l’Assessore regionale all’Agricoltura

Xylella fastidiosa, a Giarre un incontro con l’Assessore regionale all’Agricoltura

Domani (giovedi 11 giugno) alle 17, nel centro congressi Radice Pura a Giarre (strada 17 n19 frazione San Leonardello) si terrà il convegno “Emergenza sanitaria Xylella fastidiosa: incontro informativo con i tecnici e i periti del comparto florovivaistico”, al convegno, organizzato da Confagricoltura Catania parteciperanno l’assessore regionale all’Agricoltura Nino Caleca e la dirigente generale del…

Via libera alla bruciatura dei residui colturali

La bruciatura dei residui colturali diventa a tutti gli effetti una pratica ammessa dalla legislazione italiana. La legge 116 dell’11 agosto 2014 (di conversione del DL c.d. #Campolibero) all’articolo 14 infatti stabilisce come la combustione di stoppie e sarmenti sfalci o potature in campo costituisca una normale pratica per il reimpiego dei materiali di risulta delle attività…

Intervista a Giovanni Selvaggi sul TG Regionale

Oggi alle 14 sul Tg3 regionale, andrà in onda un’intervista al presidente di Confagricoltura Catania Giovanni Selvaggi. Con il giornalista Duilio Calarco, il presidente Selvaggi ha parlato di allarme siccità nel catanese e di misure per fronteggiare la crisi dell’agricoltura in Sicilia.